Assicurazione viaggio in Europa

Non esistono aree del continente europeo che presentano un particolare rischio sanitario da considerare in vista di una vacanza.

Esistono al contrario dei Paesi nei quali è presente un piano di assistenza medica gratuita per i visitatori italiani, ed altri in cui invece non è presente. Cominciamo dai primi.

In tutti i Paesi dell’area UE è previsto che i nostri connazionali esibendo la propria tessera sanitaria possano accedere alle strutture sanitarie pubbliche e/o convenzionate del luogo alle stesse condizioni dei cittadini residenti.

Questo piano di assistenza gratuita prevede però dei limiti e delle condizioni che è bene considerare. Innanzitutto bisogna considerare che, in Italia come all’estero, esistono delle prestazioni erogate in convenzione che però prevedono il pagamento del ticket da parte dell’assistito che dovrà quindi essere pagato dal richiedente.

In altri casi, ed in particolare in Francia e Svizzera, il sistema sanitario nazionale italiano si fa carico dell’assistenza medica dei nostri connazionali ma lo fa in maniera indiretta; in che senso? Nel senso che l’assistito deve anticipare di tasca propria i costi per le cure mediche ricevute per poi richiedere il rimborso di quanto speso alla propria ASL di appartenenza una volta tornato in Italia.

Si tratta di un limite non da poco. Quando infatti l’assistenza ricevuta riguarda patologie o infortuni di grave entità facilmente i costi conseguenti possono essere dell’ordine di diverse decine di migliaia di euro (ad esempio una semplice operazione per la rimozione di una appendicite può costare fino a 5 mila euro!), costi difficilmente sostenibili anche volendo ricorrere al plafond della propria carta di credito.

Per questo, sia che si progetti una vacanza o un breve periodo di lavoro in uno Stato dell’area UE ad assistenza sanitaria convenzionata, sia che si progetti di farlo in uno Stato dove le cure mediche sono tutte a carico dell’assistito, è sempre consigliabile mettere al sicuro se stessi e soprattutto le proprie finanze sottoscrivendo un’assicurazione di viaggio per l’Europa prima di partire.

Una polizza di viaggio rappresenta infatti la soluzione migliore per vivere il proprio soggiorno all’estero nella massima serenità, sicuri di poter liberamente accedere (in caso di bisogno) alle cure mediche erogate dalle strutture sanitarie pubbliche o private del luogo senza particolari patemi da un punto di vista economico.

Oggi tra l’altro le assicurazioni di viaggio, tanto più quelle per spostamenti intra-europei, hanno raggiunto dei costi di acquisto così bassi che davvero sarebbe da incoscienti non sottoscriverne una prima di partire mettendo così se stessi e la propria famiglia inutilmente a rischio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *