Risarcimento vacanza

La vacanza dovrebbe essere un momento di riposo e di svago, ma purtroppo non è sempre così. I problemi sono dietro l’angolo e durante la nostra permanenza fuori casa, o anche prima di partire, possono verificarsi imprevisti di varia natura e gravità che, oltre ad incidere negativamente sulla riuscita della vacanza stessa, possono avere effetti pesanti anche sul nostro portafoglio.

Per questo, per quanto non sempre obbligatoria, è sempre consigliabile sottoscrivere una assicurazione di viaggio che vada a coprire a livello finanziario gli eventuali danni che dovessero funestare la propria vacanza.

Una assicurazione di viaggio in vista di uno spostamento in Italia o all’estero può essere acquistata in proprio, su internet o presso le agenzie delle compagnie eroganti, o può essere inclusa all’interno del pacchetto di viaggio venduto da un tour operator.

La sottoscrizione di tali polizze è consigliata anche per i viaggi nel nostro Paese in quanto molte delle strutture dedite alla ricezione di turisti, e quindi B&B ed Hotel, non hanno una propria assicurazione contro la responsabilità civile e quindi non sono sempre in grado di rispondere adeguatamente dei danni arrecati.

I sinistri che possono capitare durante una vacanza sono i più svariati, purtroppo; si va dai danni fisici alla persona, allo smarrimento o al furto del proprio bagaglio, passando per gli incidenti durante le fasi di trasporto, fino ad arrivare ai casi più gravi come l’annullamento della vacanza o la sua interruzione anticipata.

In tutte queste situazioni la procedura per accedere ai rimborsi prevede che l’assicurato danneggiato faccia domanda di risarcimento alla propria compagnia entro 10 giorni dal termine della vacanza. Affinché la richiesta di risarcimento possa andare a buon fine è indispensabile, al momento del sinistro, raccogliere il maggior numero di prove documentali. Fatture se si tratta di una assicurazione medica con rimborso delle spese sanitarie sostenute, un certificato che attesti il palesarsi di gravi impedimenti famigliari o lavorativi nel caso di una polizza per l’annullamento del volo, la conferma scritta da parte del vettore areo dell’effettiva perdita del proprio colle in caso di assicurazione contro lo smarrimento ed il furto del bagaglio; maggiori sono le prove documentali in vostro possesso più spedita sarà la pratica che, nel giro di qualche settimana, vi porterà ad ottenere il risarcimento.

Per alcune polizze poi, come quella contro gli infortuni in volo o in viaggio, potrebbe essere necessario raccogliere anche la testimonianza di “terzi” che attestino la dinamica del sinistro.

Tutti questi documenti vanno quindi “fotocopiati” e poi inviati in originale alla propria compagnia assicuratrice che si occuperà di perfezionare l’iter della pratica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *